S.O.S insetti!

lunedì, 22 giugno 2020

S.O.S insetti!

In estate, non solo le persone vengono presi di mira dagli insetti, ma anche i cavalli. Ecco alcuni consigli su come possiamo rendere un po' più semplice la vita dei nostri animali.

In estate, zanzare, tafani e altri insetti simili tornano a infastidirci. Purtroppo, non siamo i soli a doverli affrontare, ma anche i nostri cavalli spesso sono presi di mira e devono conviverci. Soprattutto dopo forti piogge, quando si formano grandi pozzanghere d'acqua che difficilmente si asciugano, questi insetti diventano particolarmente fastidiosi e irritanti. Dato che i pascoli si trovano in prossimità di fiumi e foreste, spesso si ha a che fare con loro, soprattutto se si ama stare in mezzo alla natura con il nostro cavallo.

Prodotti diversi

Ci sono molti prodotti e repellenti contro gli insetti presenti sul mercato. L'offerta è molto ampia ed è possibile trovare di tutto e di più. Esistono due categorie: insetticidi, che dovrebbero uccidere l'insetto, e prodotti per proteggersi, che mascherano l'odore dei cavalli e fanno si che gli insetti non si avvicinino. Questi prodotti consistono principalmente in varie miscele di fragranze a base di oli essenziali. Attenzione però: quest'ultimi possono irritare la pelle, quindi è sempre importante testarli prima.

Se il cavallo è già stato punto, un lavaggio con acqua e aceto può alleviare la sensazione di prurito. Generalmente, questo mix è innocuo per l'animale e dona un po' di sollievo.

Azione duratura

Purtroppo, l'azione dei questi prodotti non è sempre lunghissima. Alcuni infatti perdono la propria efficacia dopo poche ore e vanno riapplicati spesso. Bisogna infatti sempre tenere a mente che questi prodotti sono stati testati in laboratorio e non sempre all'aria aperta si verificano le stesse condizioni dei test. Di conseguenza, scegli sempre prodotti di alta qualità per proteggere effettivamente il tuo cavallo per diverse ore.

Qui troverai tutti i prodotti che abbiamo su EquusVitalis per proteggere e allontanare gli insetti.

Prevenzione

In commercio esistono molte misure preventive. Tuttavia, affinché queste siano efficaci, bisogna capire e studiare bene gli insetti con cui si ha a che fare.

Tafani

I tafani adorano il caldo e l'umidità e preferiscono luoghi soleggiati o parzialmente ombreggiati e riparati. Più caldo e afoso è il tempo, più diventano aggressivi. I morsi portano a gonfiore e prurito, ma possono anche essere trasmesse varie malattie, tra cui la malattia di Lyme, l'antrace o l'anemia infettiva equina.

Oestridae

Questi insetti non pungono, ma depongono le loro uova nel manto del cavallo. Ciò provoca prurito, che spinge il cavallo a grattare la zona con i denti. In questo modo, attraverso la saliva, la larva si schiude, penetra nella cavità orale e da lì raggiunge il tratto gastrointestinale. All'inizio dell'estate dell'anno successivo le larve escono con le feci e si disperdono nel terreno.

Zanzare

Le zanzare generalmente possono volare molto in alto, soprattutto quando fa molto caldo e non c'è vento. Sotto la pioggia e il vento, invece, si muovono vicino al suolo. Questo insetto punge principalmente di notte. Le conseguenze possono essere prurito, reazioni allergiche o, in caso di un gran numero di punture, persino insufficienza cardiovascolare. Inoltre, una puntura può anche trasmettere varie malattie, tra cui la malattia di Lyme.

Ceratopogonidi

I ceratopogonidi sono particolarmente attivi all'alba e al tramonto e vivono vicino all'acqua. Attaccano sempre in sciami, ma le conseguenze dei loro morsi non sono così gravi come nel caso dei simulidi. Le punture causano prurito e può verificarsi un eczema estivo.

Simulidi

I simulidi attaccano gli animali al pascolo in grandi stormi, il che può renderli molto pericolosi. Vivono vicino ai corsi d'acqua, in luoghi riparati. Questi insetti pungono i cavalli soprattutto nelle zone con peli corti, cioè le orecchie, la zona addominale, le mammelle o lo scroto. Le punture possono causare lividi, irritazione della pelle, reazioni allergiche, eczema estivo o coliche. Tuttavia, può persino verificarsi uno shock tossico, che porta a insufficienza cardiovascolare con conseguenze anche fatali.

Contromisure

Ora che si conoscono i comportamenti della maggior parte degli insetti, è possibile capire quali contromisure prendere. Ecco alcuni consigli che puoi facilmente seguire:

  • Attacca una zanzariera o qualcosa di simile davanti a finestre e porte della stalla
  • Cerca di evitare i pascoli vicino a foreste, acqua o zone fangose
  • Scegli i pascoli in zone ventilate
  • Cerca zone con animaletti utili come ragni, pipistrelli o rondini
  • Dato che le uova di insetti vengono spesso depositate nel letame o in altre sostanze organiche, è necessario mantenere il fienile e la stalla il più pulito possibile. Ciò riduce notevolmente il numero di insetti
  • Infine, puoi anche utilizzare mangimi supplementari con aglio e/o cumino nero. Per alcuni cavalli, questo tipo di alimentazione funziona anche come repellente naturale